Oggi è mar 11 dic 2018, 22:36

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Valentino Mazzola, la leggenda
MessaggioInviato: gio 6 dic 2012, 19:38 
Non connesso
Campione Olimpico
Campione Olimpico
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: ven 23 nov 2012
Alle ore: 11:00
Messaggi: 7272
Questa settimana volevo parlarvi della storia di Valentino Mazzola, leggendario capitano del grande Torino

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Valentino_mazzola.jpg

INIZI:
Valentino Mazzola nacque a Cassano d'Adda il 26 gennaio 1919 da una famiglia modesta che viveva nel Ruscett (Riccetto), la zona povera del paese. Suo padre Alessandro era un operaio, la madre Leonina una casalinga. La sua infanzia fu molto triste e ricca di sofferenze: nel 1929 con la Grande Crisi il padre perse il lavoro e Valentino fu costretto ad abbandonare gli studi andando a lavorare prima in una panetteria come garzone e poi in un linificio, i suoi tre fratelli contribuivano a sbarcare il lunario vivendo d’espedienti. La casa di Valentino era una delle poche senza la corrente elettrica, un amico che un giorno era andato a dormire da lui fu shoccato dall’atmosfera triste e malinconica che si respirava a casa dell’amico e dal fatto non ci fosse nulla da mangiare. Valentino era un ragazzo molto taciturno, solitario, quasi mai sorrideva e spesso era assorto nei suoi tristi pensieri; per sfogare la sua rabbia e le sue frustrazioni era solito calciare lattine vuote nel tragitto da casa sua al linificio, da qui il suo soprannome di tulen con il quale era noto in tutta la borgata.

PRIMI CALCI:
Nel 1934 un dirigente della Tresoldi, la locale squadra di calcio, notò il talento di Mazzola e lo volle portarselo in squadra. Gli inizi calcistici non furono poi così entusiasmanti, Valentino venne infatti quasi immediatamente ceduto in prestito al Fara d’Adda per poi fare ritorno alla Tresoldi dopo un anno. In questi anni Mazzola venne impiegato in mediana, sia nella posizione di centrosostegno che in quella di laterale. Nel 1938 Valentino fu provinato dal Milan ma visto che aveva ricevuto un’offerta di lavoro dall’Alfa Romeo preferì andare a giocare nella squadra aziendale che militava in Serie C. Nell’Alfa Romeo Mazzola, dopo gli esordi come mediano e anche come terzino, giocò un intero campionato all’ala, questi continui cambi di posizione in campo saranno la sua fortuna quando con il Grande Torino emergerà la sua classe che farà di Mazzola il primo giocatore universale della storia del calcio.

VENEZIA, LA SORPRESA:
Nel 1939 Mazzola andò a fare il servizio militare a Venezia e fu notato da un dirigente del Venezia calcio che decise di fargli fare un provino. Superato il provino Mazzola divenne a tutti gli effetti un giocatore nero-verde. Mazzola passò l’intera annata 1939-40 più in tribuna che in campo ed esordì appena il 31 marzo 1940 nella partita Lazio-Venezia (1-0), prendendo il posto del centravanti titolare Pernigo, dopo quella partita non uscì più dagli 11 titolari. Valentino non fece in tempo a godersi l’esordio in A che una terribile notizia lo sconvolse: papà Alessandro era finito sotto un camion. Nell’estate del 1940 Mazzola firmò un contratto con il Bari ma su intervento della Marina militare fu persuaso a rimanere in nero-verde. Nella stagione 1940/41 Mazzola, nel girone di andata fu spesso utilizzato dal tecnico Girani come tappabuchi. Quando Girani fu sostituito da Rebuffo Valentino fu promosso stabilmente nel ruolo di mezz’ala sinistra e a fine campionato fu giudicato da molte riviste specializzate come il miglior numero dieci del torneo, una soddisfazione corroborata dalla conquista della sua primo trofeo della carriera, la Coppa Italia. Nella stagione 1941/42 ci fu la consacrazione per Valentino che in coppia con Loik (un altro incompreso scartato dal Milan) trascinò il modesto Venezia ad un terzo posto storico. Il 15 marzo Mazzola sposò Emilia Ranaldi, una sua compaesana dalla quale avrà due figli Alessandro (nato nel novembre 1942) e Ferriccio (nato nel 1945).

TORINO, LA LEGGENDA:
Nell’estate 1942 il presidente del Torino Ferruccio Novo si svenò e con un milione e duecentocinquantamila lire si aggiudicò sia Mazzola che Loik battendo sul filo di lana la concorrenza della Juventus. Mazzola, dopo un avvio stentato a causa del passaggio della squadra dal metodo al sistema, incominciò a prendere per mano la squadra e alla fine trascinò i granata ad una clamorosa doppietta: campionato-Coppa Italia. La guerra interruppe l’attività e Valentino per tenersi in forma disputò il campionato di guerra 1943/44 con il Torino Fiat (in pratica il Grande Torino con Piola e con Pozzo allenatore) che perse clamorosamente la finale contro la sorpresa Vigili del Fuoco di La Spezia. Nel 1945, alla ripresa del campionato, Mazzola, ormai leader indiscusso e trascinatore dei granata trascinò i suoi alla vittoria del Campionato Alta Italia e successivamente a quello di Divisione Nazionale, ormai il Torino stava per diventare Grande. La stagione successiva Mazzola divenne il capitano della squadra e disputò forse la sua migliore stagione segnando ben 29 reti (un’enormità per una mezzala). Nel frattempo la vita privata di Valentino fu scossa dalla rottura del matrimonio con Emilia che tornò a Cassano portandosi con sé Ferruccio, Valentino si prese in custodia il primogenito Sandrino e si legò sentimentalmente a Giuseppina Cutrone. Nonostante le turbolenze della vita privata, il rendimento di Valentino in campo non ne risentì e nella stagione 1947/48 fu ancora scudetto, con un record di ben 65 punti, Mazzola si confermò un cecchino infallibile fu il vice capocannoniere del campionato dopo Boniperti. Mazzola era ormai considerato uno dei giocatori più forti del mondo anche se in nazionale le cose andavano meno bene: Valentino, che era di carattere schietto e genuino, sentiva troppo l’emozione e il rendimento era incostante anche perché l’insipienza tecnica del vecchio CT Pozzo non gli giovava. Pozzo gli metteva attorno giocatori di stampo metodista che mal si addicevano al sistema che Valentino usava con i suoi compagni al Torino e che lo stesso Pozzo intendeva proporre nella rinnovata nazionale. Il siluramento di Pozzo in favore di una commissione tecnica nella quale c’era anche il presidente granata Novo sembrò sbloccare finalmente Mazzola e nel corso del campionato 1948/49 la sua stella cominciò a brillare anche in Nazionale, con la quale disputò due prove sontuose contro Spagna e Portogallo. In quella stagione però incominciarono a manifestarsi i primi dissapori con il Torino, Mazzola si rifiutò di scendere in campo la prima partite per divergenze economiche con la società. In realtà Valentino era ammaliato dall'offerta dell’Inter e in testa sua voleva lasciare Torino per ricongiungersi con la sua prima moglie e per evitare una denuncia per bigamia. Mancavano poche giornate alla fine quando il Torino andò a giocare a Milano lo scontro diretto con l’Inter, Valentino non giocò perché afflitto da febbre alta e mal di gola. Il Torino pareggiò con molte difficoltà per 0 a 0 grazie ai miracoli di Bacigalupo e decise di partire per Lisbona per giocare un’amichevole in onore del capitano lusitano Ferreira, amico personale di Mazzola conosciuto durante un incontro di qualche mese prima con la nazionale, che proprio in quei giorni metteva gli scarpini al chiodo. Mazzola, che non era al meglio e che ironia della sorte aveva paura di volare, decise di partire comunque per rendere omaggio all'amico. La partita finì 4-3 per il Benfica, il Torino al ritorno si schiantò contro la Basilica di Superga consegnando capitan Valentino e i suoi compagni alla leggenda.


Share on FacebookShare on TwitterShare on Google+
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven 7 dic 2012, 20:35 
Non connesso
Leggenda del Calcio
Leggenda del Calcio
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: mer 18 mag 2005
Alle ore: 0:45
Messaggi: 33461
Località: Pontecurone
Una leggenda .
Con Meazza e Baggio probabilmente il miglior giocatore italiano di sempre.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven 7 dic 2012, 22:02 
Non connesso
Campione Olimpico
Campione Olimpico
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: ven 23 nov 2012
Alle ore: 11:00
Messaggi: 7272
Sonos empre stato molto indeciso nel dichiarare quale sia stato il giocatore italiano più forte di sempre, io hos empre pensato che Meazza-Valentino Mazzola-Rivera e Baggio siano stati grandi anche se per motivi diversi, Meazza per il genio, Mazzola per la leggenda, Rivera per la classe, Baggio per il talento.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven 7 dic 2012, 23:01 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: mar 1 apr 2008,
Alle ore: 17:41
Messaggi: 8060
epico ha scritto:
Una leggenda .
Con Meazza e Baggio probabilmente il miglior giocatore italiano di sempre.

Per la prima volta dopo un'infinità di tempo, concordo pienamente con epico.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven 7 dic 2012, 23:23 
Non connesso
Campione Olimpico
Campione Olimpico
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: ven 23 nov 2012
Alle ore: 11:00
Messaggi: 7272
Alcune perle sul nostro Valentino:
http://www.youtube.com/watch?v=ytu2DB1dI_A
- minuto 1:03, passaggio col contagiri nella partita Italia-Inghilterra 0-4, Valentino fu uno dei pochi a salvarsi nella disfatta.
- minuti 2:30, serpentina d'antologia nello stretto con tiro imparabile finito in gol nell'amichevole vinta dall'Italia 4 a 1 contro il Portogallo. L'abilità nello stretto era tipica anche di suo figlio Sandrino che ebbe la fortuna di ereditare dal apdre la sua muscolatura.
- minuto 4:13 stacco imperioso di valentino che sforna un assist al compagno Menti che segna (sempre Italia-Portogallo), l'elevazione di Valentino era anch'essa favorita dalle sue gambe che erano un fascio di muscoli.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 11 dic 2012, 2:07 
Non connesso
Il Pallone d'Oro
Il Pallone d'Oro
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 6 nov 2005,
Alle ore: 0:35
Messaggi: 12976
E queste sarebbero perle?
Spero per Valentino Mazzola di no :asd

_________________
Cita:
ai miei tempi negli anni 80 mi aberravo in strada


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 11 dic 2012, 2:42 
Non connesso
Ultras
Ultras

Reg. il: mer 1 ago 2012,
Alle ore: 17:59
Messaggi: 671
Andrew89 ha scritto:
E queste sarebbero perle?
Spero per Valentino Mazzola di no :asd


si, lo sono. ma capisco che alla tua età si possano preferire le azioni da playstation.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 11 dic 2012, 11:06 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/05/2015
Reg. il: mer 6 apr 2005,
Alle ore: 17:19
Messaggi: 24360
Località: Genova
Va bene che erano altri tempi, ma quella elevazione di 40 centimetri (e forse meno, perché rannicchia le gambe dando l'illusione di staccarsi di un bel pezzo) sarebbe un gesto atletico poderoso?

_________________
Signori e signore Che giocatore Cristiano Ronaldo !!...che Giocatore Cristiano Ronaldo !!..io credo che non ci trovavamo davanti un giocatore simile dai tempi di Evaristo Beccalossi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 11 dic 2012, 11:15 
Non connesso
Campione Olimpico
Campione Olimpico
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: ven 23 nov 2012
Alle ore: 11:00
Messaggi: 7272
golovko ha scritto:
Va bene che erano altri tempi, ma quella elevazione di 40 centimetri (e forse meno, perché rannicchia le gambe dando l'illusione di staccarsi di un bel pezzo) sarebbe un gesto atletico poderoso?


Per uno alto un metro e settanta sì, purtroppo non si hanno molte testimoninze filmate, io ho deciso di sottolineare alcuni gesti che si evdono nei filmati per rendere le caratteristiche del giocatore...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 11 dic 2012, 11:32 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/05/2015
Reg. il: mer 6 apr 2005,
Alle ore: 17:19
Messaggi: 24360
Località: Genova
Alle medie facevamo il test di salto in alto da fermo, io facevo 35 centimetri ed ero l'ultimo della classe (almeno tra i maschi) :asd
Quanto potevano essere alti i miei compagni, gente di 12/13 anni?

_________________
Signori e signore Che giocatore Cristiano Ronaldo !!...che Giocatore Cristiano Ronaldo !!..io credo che non ci trovavamo davanti un giocatore simile dai tempi di Evaristo Beccalossi.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Risposta Rapida
Titolo:
Messaggio:
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010