Oggi è mar 11 dic 2018, 23:22

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 664 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 67  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Edson Arantes do Nascimento "Pelè"
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 19:30 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 10 apr 2005
Alle ore: 14:02
Messaggi: 7175
Apriamo questo topic per celebrare O' Rey, il simbolo per eccellenza del gioco del calcio. Inizierò tra poco a postare articoli e racconti sul grande giocatore brasiliano. Chiunque voglia scrivere su di lui o ha sempre voluto soddisfare qualche curiosità sulle gesta di O Rey è il benvenuto. Sono bandite polemiche fini a se stesse. Qui si parla solo di Pelè e della sua straordinaria classe. Aspetto anche i pareri autorevoli degli appassionati di storia e in particolare di Mad, che si è sempre detto grande fan di Pelè.

_________________
«...ricorda che se anche i nostri dirigenti ci danno per spacciati e dicono che sarebbero contenti anche se perdessimo 4-0, a me non interessa. Io oggi scendo in campo per vincere e voglio che quelli che scendono con me oggi abbiano lo stesso obiettivo. Se vedo qualcuno che non combatte questa battaglia, alla fine della partita dovrà vedersela con me. Fatti forza Ruben, quei duecentomila là fuori non giocano, guardano solamente».

Il capitano Obdulio Varela al giovane Ruben Moran prima della finale del Mondiale 50, Brasile 1 Uruguay 2


Share on FacebookShare on TwitterShare on Google+
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 19:47 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 10 apr 2005
Alle ore: 14:02
Messaggi: 7175
Uno splendido articolo di Carlo Felice Chiesa su Pelè:

Lo chiamarono la Perla Nera, poi O Rey e non c'è dubbio che la fama più solida e diffusa di massimo campione di ogni tempo spetti a lui, Edson Arantes do Nascimento, in arte Pelè. Su basi solidissime: il calcio come equilibrio tra arte e sostegno fisico, tra magia ed efficacia, tra invenzione e cinismo raggiunse nel suo gioco vette inesplorate.
Pelè è stato un sommo artista universale, cui il pallone correva incontro come un a un festoso richiamo, per poi accucciarglisi intorno, rimbalzandogli addosso, rispondere con affetto e obbedienza a ogni sollecitazione.
"Il primo pallone" scrisse nella sua autobiografia "l'ho calciato giocando nell'Ameriquinha di Baurù". Era nato a Tres Coracoes, nello stato di Minas Gerais, il 23 ottobre 1940, e a Baurù, nello stato di San Paolo, si era stabilito tre anni dopo, al seguito del padre calciatore, Joao Ramos do Nascimento detto Dondinho. Ci provò Tim, allenatore del Bangù, a portare il giovanissimo prodigio a Rio, ma la madre Celeste si oppose. Il bambino calciò ancora nel Radium e nel Noroestino. Poi arrivò un altro grande ex, Waldemar de Brito, per conto del Santos, e seppe convincere mamma e papà.
Nel Santos il ragazzino venne chiamato 'Gasolina', poi un giorno divenne 'Pelè', forse per assomiglianza con 'Belè', giocatore dello stato di Minas Gerais. Il 7 settembre 1956, in amichevole contro il Corinthians de Sao Andrè, Pelè fa il suo debutto in prima squadra a mezz'ora dalla fine, sostituendo il centravanti Del Vecchio, futuro 'italiano'. Pochi minuti bastano per il primo gol.
In Nazionale debutta il 7 luglio 1957, rilevando ancora Emanuele Del Vecchio e andando subito in gol, un diabolico vizietto che lo porterà oltre quota mille. Piccolo e compatto (1,71 per 70 chili), per il Santos diventa una miniera d'oro, il Brasile lo tutelerà come patrimonio nazionale.
Dal 1957 al 1964 trascina il suo club a dieci titoli paulisti (vincendo per nove anni consecutivi la classifica cannonieri), cinque Copa Brasil, due Coppe Libertadores e due Coppe Intercontinentali. Stabilisce il record di 8 gol tutti in una partita, contro il Botafogo di Ribeirao Preto il 21 novembre 1964. Impossibile per i più ricchi club esteri (primi quelli italiani, l'Inter di Angelo Moratti in testa) riuscire a ingaggiarlo: in Brasile sarebbe la rivolta. Una targa, al Maracanà di Rio, ricorda la magia del 5 marzo 1961, quando contro il Fluminense partì da metà campo, dribblò sette avversari, portiere compreso, e depositò il pallone in rete.
Con la Nazionale vince tre Mondiali, regalando ai verde oro la Coppa Rimet in via definitiva. Le cifre essenziali? Col Santos 1113 partite e 1089 reti. Col New York Cosmos, l'unica sua altra squadra, cui approdò nel 1975 per lanciare in grande stile il calcio negli Usa, 108 partite e 65 reti. Con la Nazionale, 115 partite e 97 reti. Contando anche le partite giocate nelle varie selezioni, i biografi ufficiali gli accreditano 1366 partite e 1280 gol. Lascia la Nazionale nel 1971 e il Santos alla fine del 1974. Chiude la carriera negli Stati Uniti nell'ottobre 1977. Dopo è tutto e il suo contrario: attore (in una decina di film), uomo immagine della Warner Communications, politico (nel 1995 diventa ministro dello Sport nel governo brasiliano) e instancabile amatore. Ma nei prodigi con il pallone, inutile dirlo, ha già dato il meglio di sè.

_________________
«...ricorda che se anche i nostri dirigenti ci danno per spacciati e dicono che sarebbero contenti anche se perdessimo 4-0, a me non interessa. Io oggi scendo in campo per vincere e voglio che quelli che scendono con me oggi abbiano lo stesso obiettivo. Se vedo qualcuno che non combatte questa battaglia, alla fine della partita dovrà vedersela con me. Fatti forza Ruben, quei duecentomila là fuori non giocano, guardano solamente».

Il capitano Obdulio Varela al giovane Ruben Moran prima della finale del Mondiale 50, Brasile 1 Uruguay 2


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 19:53 
Non connesso
Raccattapalle
Raccattapalle
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: gio 29 set 2011
Alle ore: 18:14
Messaggi: 1400
Si però avrebbe potuto e dovuto venire in Europa a giocare

_________________
\"A me non interessa sentirmi intelligente ascoltando dei cretini che parlano…preferisco sentirmi cretino ascoltando una persona eccelsa\"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 19:57 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: mar 1 apr 2008,
Alle ore: 17:41
Messaggi: 8060
Mozyr ha scritto:
Si però avrebbe potuto e dovuto venire in Europa a giocare

Pareva fosse fatta con l'Inter, poi Moratti non se la spenti di spendere tutti quei soldi per un calciatore.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 20:02 
Non connesso
Moderatore in pensione
Moderatore in pensione
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: lun 7 lug 2003,
Alle ore: 18:11
Messaggi: 3023
Località: Milano
l'unica cosa discutilbile di pelè è il record di gol che gli viene assegnato che è farlocco, ma per il resto...

_________________
I never drink water
Fish fuck in it
Pro Sesto IV.27


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 20:10 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 10 apr 2005
Alle ore: 14:02
Messaggi: 7175
Un altro articolo di Adalberto Bortolotti:

E' comparso, trasversalmente in quasi tutte le puntate precedenti. Perché è lui il riferimento obbligato. Il re del calcio, ma più che il re, il simbolo, l'essenza, la malìa del calcio. "Se non fosse nato uomo" ha scritto il brasiliano Armando Nogueira "sarebbe nato pallone".
Edson Arantes do Nascimento, conosciuto nel mondo come Pelè, contabilizza, con tanto di certificato notarile, 1280 gol in 1366 partite a carattere ufficiale. E tuttavia qualificare Pelè come uomo-gol sarebbe bestemmia tecnica. Come qualificarlo in qualsiasi altra maniera. In Inghilterra hanno scritto: "Pelè sta al calcio come Shakespeare alla letteratura inglese o Cervantes al castigliano".
Il talento lo bacia precocemente. Il padre Dondinho è stato un centravanti di valore nel Fluminense, sin quando uno scontro col nazionale brasiliano Augusto gli ha stroncato una gamba e la carriera. Nella casetta di Tre Coracoes, Tre Cuori, nel Minas Gerais, la mamma Celeste manda avanti la famiglia come può. Edson, il futuro Pelè, che tutti chiamano Dico, a tredici anni si presenta per un provino al BAC, che ha messo un annuncio sul Diario de Baurù per una leva di ragazzini. L'allenatore è Valdemar de Brito, mezzala della Selecao al Mondiale del 34 in Italia. L'occhio del vecchio campione individua al volo la perla, in quella marea di piccoli aspiranti. Lo chiama subito fuori dal branco, per nasconderlo agli occhi indiscreti.
Nel frattempo, Dico è diventato Pelè, pare perché abituato a giocare su un campetto brullo, 'pelato', vicino a casa. Il BAC si laurea campione della città di Baurù, alla seconda giornata Pelè segna sette gol e diventa l'attrazione del paese. Però, vinto un altro campionato, il Baurù scioglie il settore giovanile. Pelè si dedica al futebol de salao, il nostro calcetto. Brito ha il chiodo fisso di portarlo al grande calcio.
Mette in moto vecchie conoscenze, ottiene un provino al Santos. Pelè, che vede il mare per la prima volta, conosce i suoi idoli, Zito, Pago, Jair da Rosa Pinto. L'allenatore del Santos è Lula. Brito gli ha fatto una testa così, con quel moccioso, e allora nel test Lula lo affida alle cure di Formiga, difensore della Nazionale, e gli dice di non usare riguardi. Formiga è più alto di tutta la testa e fa la faccia feroce, ma Pelè lo imbastisce di finte, lo mette a sedere due volte e Lula interrompe l'allenamento, prima che la cosa faccia troppo scalpore, e fa cenno a un dirigente che arriva trafelato sul campo con un contratto da firmare.
Pesa cinquanta chili, uno scricciolo. Alcuni mesi di robusti esercizi fisici e un tirocinio nelle giovanili lo rendono pronto all'esordio il 7 settembre 1956, non ancora sedicenne. Pelè sostituisce Del Vecchio, che verrà in Italia, contro il Corinthians di Santo Andrè e segna subito un gol. Cinque mesi dopo, ha stabilmente conquistato la maglia numero dieci del club, che indosserà per diciotto stagioni consecutive. Nel corso delle quali porta il Santos a vincere dieci volte il titolo paulista, per cinque volte la Coppa del Brasile, per due volte la Coppa Libertadores e la Coppa Intercontinentale, nel 62 e nel 63, contro Benfica e Milan. Per nove anni consecutivi, dal 57 al 66, Pelè si laurea capocannoniere del campionato di San Paolo. Il Santos diventa la squadra più famosa del Brasile, deve abbandonare il suo stadio di Vila Belmiro, ormai troppo esiguo per le prodezze di Pelè, e trasferirsi nello sterminato Morumbi di San Paolo.
Se a sedici anni Pelè è una stella del Santos, a diciassette debutta nella mitica Seleçao e a diciotto non ancora compiuti trascina il Brasile al primo titolo mondiale della sua storia, sino ad allora ricca di presunzione e di occasioni mancate. Piange il piccolò Pelè nella lontana Svezia quando re Gustavo, al momento di consegnare la Coppa al capitano Bellini, si ferma un attimo a cercare il favoloso negretto, poi gli fa un cenno d'intesa, come a dire: questa l'hai vinta tu.
Tre mondiali vince Pelè dei quattro che gioca, e nessuno al mondo si avvicina all'impresa. Altafini, che gli gioca a fianco nei primi anni, ne elenca le qualità: "Lo scatto del centravanti, il palleggio del giocoliere, il colpo di testa, il tiro, il dribbling, la finta, la resistenza fisica". Cioè, di tutto, di più. Nel 1970, in Messico, quando vince il suo terzo mondiale nella finalissima contro l'Italia di Valcareggi, Pelè ha trent'anni. Eppure si riscopre giovane e prodigioso atleta del gol, si stacca in elevazione mezzo metro sopra il roccioso Burgnich, resta sospeso in aria sinché il pallone impatta la sua fronte e allora incorna, con una micidiale torsione del collo, fuori dalla portata di Albertosi. Poco dopo abbandona la Nazionale, con 115 partite e 97 gol. Col Santos chiude nel 1974, dopo 1113 partite e 1089 gol. Passa al Cosmos, un anno dopo, per una telefonata di Henry Kissinger: due stagioni, un titolo del Nordamerica, altri 65 gol. E poi l'addio.
Ha fatto fermare una guerra (tra Nigeria e Biafra, per assistere a una sua esibizione) e fatto espellere un arbitro che l'aveva mandato fuori per proteste (in Colombia). Ha cambiato poche squadre e molte donne. E' diventato ministro. E' Pelè, il calcio.

_________________
«...ricorda che se anche i nostri dirigenti ci danno per spacciati e dicono che sarebbero contenti anche se perdessimo 4-0, a me non interessa. Io oggi scendo in campo per vincere e voglio che quelli che scendono con me oggi abbiano lo stesso obiettivo. Se vedo qualcuno che non combatte questa battaglia, alla fine della partita dovrà vedersela con me. Fatti forza Ruben, quei duecentomila là fuori non giocano, guardano solamente».

Il capitano Obdulio Varela al giovane Ruben Moran prima della finale del Mondiale 50, Brasile 1 Uruguay 2


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 20:11 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 10 apr 2005
Alle ore: 14:02
Messaggi: 7175
In verità, il primo a trattarlo fu il Grande Real, subito dopo i Mondiali del 58: Bernabue voleva affiancare a Di Stefano Pelè e Puskas, per dare vita all'attacco più spaventoso mai veduto. Poi ripiegò su Didì, il sublime regista del Brasile, ma fu un fallimento e Didì fu costretto a tornare in patria dopo pochi mesi.

_________________
«...ricorda che se anche i nostri dirigenti ci danno per spacciati e dicono che sarebbero contenti anche se perdessimo 4-0, a me non interessa. Io oggi scendo in campo per vincere e voglio che quelli che scendono con me oggi abbiano lo stesso obiettivo. Se vedo qualcuno che non combatte questa battaglia, alla fine della partita dovrà vedersela con me. Fatti forza Ruben, quei duecentomila là fuori non giocano, guardano solamente».

Il capitano Obdulio Varela al giovane Ruben Moran prima della finale del Mondiale 50, Brasile 1 Uruguay 2


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 20:13 
Non connesso
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 10 apr 2005
Alle ore: 14:02
Messaggi: 7175
chernosamba ha scritto:
l'unica cosa discutilbile di pelè è il record di gol che gli viene assegnato che è farlocco, ma per il resto...


Beh, come leggi nell'articolo di Bortolotti sotto, i gol sono stati tutti contabilizzati con certezza...

_________________
«...ricorda che se anche i nostri dirigenti ci danno per spacciati e dicono che sarebbero contenti anche se perdessimo 4-0, a me non interessa. Io oggi scendo in campo per vincere e voglio che quelli che scendono con me oggi abbiano lo stesso obiettivo. Se vedo qualcuno che non combatte questa battaglia, alla fine della partita dovrà vedersela con me. Fatti forza Ruben, quei duecentomila là fuori non giocano, guardano solamente».

Il capitano Obdulio Varela al giovane Ruben Moran prima della finale del Mondiale 50, Brasile 1 Uruguay 2


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 20:13 
Non connesso
Raccattapalle
Raccattapalle
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: gio 29 set 2011
Alle ore: 18:14
Messaggi: 1400
My god: PELE-DI STEFANO-PUSKAS :eek :eek ma cosa sarebbe stato?? :O_O

_________________
\"A me non interessa sentirmi intelligente ascoltando dei cretini che parlano…preferisco sentirmi cretino ascoltando una persona eccelsa\"


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom 27 nov 2011, 20:18 
Non connesso
Moderatore in pensione
Moderatore in pensione
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: lun 7 lug 2003,
Alle ore: 18:11
Messaggi: 3023
Località: Milano
Marco Bode ha scritto:
chernosamba ha scritto:
l'unica cosa discutilbile di pelè è il record di gol che gli viene assegnato che è farlocco, ma per il resto...


Beh, come leggi nell'articolo di Bortolotti sotto, i gol sono stati tutti contabilizzati con certezza...



ma non puoi contare le amichevoli in un record assoluto secondo me. non volevo dire che non ha fatto quei gol, era solo che se non lo sapessi io penserei ad un record di gol ufficiali (e di ufficiali wiki ne da circa 200)

_________________
I never drink water
Fish fuck in it
Pro Sesto IV.27


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 664 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 67  Prossimo

Risposta Rapida
Titolo:
Messaggio:
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010