Oggi è mar 11 dic 2018, 21:59

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Brian Clough
MessaggioInviato: lun 26 lug 2010, 23:56 
Non connesso
Primavera
Primavera
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: gio 20 nov 2003
Alle ore: 23:14
Messaggi: 3672
Località: Europa
Ho trovato questo lunghissimo pezzo su Brian Clough, consiglio di leggerlo:

Cita:
L'uomo della pioggia

Se Dio avesse voluto che giocassimo al
calcio fra le nuvole, avrebbe messo l’erba lassù.

“The boxing Day”


Quando era un centravanti fra i più temuti del campionato inglese, "Wild" Bill Shankly, il leggendario manager che ha inventato il Liverpool, disse di lui :- "E' peggio della pioggia a Manchester, almeno quella ogni tanto smette".
Brian Clough invece di segnare non smetteva mai.
Era il classico centravanti britannico, conosceva abbastanza i fondamentali e per niente la paura; botte da orbi e gol a dozzine.
Un tiro micidiale, un colpo di testa che non lasciava scampo, una velocità che in tempi di WM puro lo rendeva un flagello nell'uno contro uno che era la situazione di gioco al tempo più comune.

All’epoca non esistevano le Coppe Europee a propagandare certi bomber e se i numeri di Brian Clough da calciatore sono rimasti poco conosciuti al di fuori dall'Inghilterra lo sono, eccome, quelli da manager che non hanno semplicemente paragoni.

Brian Clough, da allenatore, nel campo dell’antipatia ha raggiunto risultati anche migliori di quelli ottenuti con il Derby County ed il Nottingham Forest, alla guida delle quali, fra l'inizio degli anni '70 e i primissimi anni '80 ha vinto due titoli nazionali , due Coppe Campioni, quattro Coppe di Lega ed un certonumero di tornei minori.

Scostante, intrattabile, permaloso, arrogante : questi sono stati gli aggettivi più comuni per descriverlo anche negli anni migliori di una carriera leggendaria, ma Brian Clough ha meritato anche il titolo di “soccer genius”, perché è stato realmente un manager geniale, un allenatore che, in un calcio legatissimo alle tradizioni come quello inglese, portò realmente delle novità e seppe imporle con i risultati.

Solo tre manager in Inghilterra hanno vinto il titolo con due squadre diverse : il leggendario Herbert Chapman (Huddersfield Town e Arsenal a cavallo fra gli anni ’20 e ’30), Brian Clough e infine Kenny Dalglish (Liverpool e Blackburn Rovers); ma il caso di Brian Clough è diverso : in entrambe le occasioni ha portato le sue squadre, il Derby County nel ’72, ed il Nottingham sei anni dopo, a conquistare il primo titolo della loro storia, che nel caso del Forest è anche rimasto l’unico.
Per far mente locale nel calcio inglese degli anni ’70 Derby County e Nottingham Forest avevano al momento in cui Clough ne prese le redini la caratura di Atalanta e Brescia in quello italiano, e forse esagero.

Ma Brian Clough, fu capace con quelle squadre storicamente lontane dal grande giro, ad inventare, letteralmente da zero, due serie vincenti.

Una più incredibile dell'altra.

Clough vi riuscì, in entrambi i casi, basandosi su calciatori da lui scoperti e lanciati o recuperati quando sembravano destinati a malinconici finali di carriera, e sempre partendo dalle posizioni di retroguardia della Seconda Divisione.

Molti anni dopo si riferirà al periodo dei suoi successi come a quello “in cui camminavo sull’acqua” e proprio “Walking on water” è il titolo che sceglie per la sua autobiografia uscita nel 2002.

Derby

Quando Brian Clough lascia il calcio agonistico a causa di un grave infortunio deve ancora compiere 28 anni.
E’ il giorno di Santo Stefano del 1962.
Gli inglesi lo chiamano “Boxing Day” perché è tradizione in quel giorno scambiarsi i pacchi natalizi, purtroppo in quello di Brian c’è una brutta sorpresa : un terribile scontro col portiere del Bury mette fine alla sua carriera nella quale, giocando nel Middlesbrough e nel Sunderland, ha messo a segno 251 reti in 274 partite.

Dopo inutili tentativi di ripresa dell’attività agonistica, diventa, a soli trent’anni, il più giovane allenatore del Regno Unito e nell’Hartlepools United inizia il suo sodalizio con Peter Taylor, ex compagno di squadra al Middlesbrough.

I due si intendono a meraviglia.
In quattro anni di quarta divisione costruiscono una squadra pronta per la promozione che arriverà quando entrambi saranno già passati al Derby County.

Proprio a Derby, davanti alle anguste tribune di legno del "Baseball Ground", Brian Clough mette i primi mattoni nella costruzione del suo mito.
Il Derby County è una squadra decisamente di “secondo piano” anche nella Seconda Divisione inglese dove vivacchia a metà classifica, ma Clough quando arriva, dà uno scossone all'ambiente.
Il suo calcio è quello tipicamente inglese, ma con qualche sostanziale modifica, come la ricerca ossessiva del gioco a terra :- “Se Dio avesse voluto che giocassimo a calcio fra le nuvole”- è solito dire- “avrebbe messo l’erba lassù”.
I suoi campioni si chiamano Archie Gemmil, uno scozzese tarchiato e mai morto, Kevin Hector un bomber di recupero, il centravanti gallese Walter Davies, un lottatore senza paura, ma soprattutto la sua squadra ha grandi qualità in difesa, con la giovanissima coppia centrale Mc Farland - Todd , scoperta da lui e strappata alla concorrenza convincendo la dirigenza del Derby a polverizzare i record di spesa della società per l’acquisto di un calciatore, e nell'estroso attaccante Alan Hinton, un mancino alla Corso che ha il vezzo di calzare scarpe bianche.

Ai calciatori non fa sconti : pretende disciplina, obbedienza, sacrificio.
A John Mc Govern, destinato ad essere uno dei suoi pretoriani fino dai tempi dell’Hartlepool, la prima volta che lo vede raccomanda :- “Stai in piedi dritto, tieni su le spalle e tagliati i capelli. Il resto verrà da sè”-

Chi segue le sue direttive ha anche grandi riconoscimenti, toccanti attestazioni di stima:- “Ha più classe lui nell’unghia di un piede, di quanta ne abbia mai posseduta io in tutto il corpo”- dichiara una volta a proposito di John O’Hare, uno dei calciatori che stima maggiormente.

Punta molto sulla preparazione atletica, sceglie personalmente gli allenatori e, tradizionalmente, le sue squadre saranno famose per il ritmo e per dare il meglio nel finale della stagione.
Attorno alla sua figura carismatica la squadra prende corpo, tratta personalmente l’acquisto dei giocatori, sia giovani che affermati, l’unico parere di cui tiene conto è quello di Peter Taylor, ma l’ultima parola, quella definitiva, è sempre e solo la sua; inevitabile che spesso vi siano attriti con il “board” del Derby County, in particolare con Sam Longson.

La squadra risponde agli stimoli anche se le polemiche non mancano certo e dopo un avvio faticoso arriva la promozione al massimo campionato.
Il Derby County è una squadra "tignosa" come il suo allenatore, ma è anche una squadra capace di interpretare al meglio le caratteristiche tipiche del calcio inglese e scozzese fatto di velocità, aggressività, ritmo, alle quali Brian Clough, senza snaturarle, riesce ad associare anche un certo ordine tattico.

I bianchi di Derby diventano la rivelazione del calcio inglese e scalano la classifica della Prima Divisione giocando un calcio che li rende spesso imprevedibili.

Al "Baseball Ground", davanti ad un massimo di ventimila spettatori, riescono ad intimidire qualunque avversario, il loro ritmo travolge, stordisce, la loro disposizione tattica disorienta.
Nella prima stagione i “Rams” strabiliano raggiungendo il quarto posto, l’anno dopo finiscono noni, ma ormai, dopo anni di anonimato, il Derby County torna a lottare per il titolo che centra al terzo tentativo.

La stagione campionato 1971-72 è forse la più combattuta della storia del calcio inglese ed il Derby County si laurea sorprendentemente campione in una stagione nella quale fioccano le polemiche cui contribuisce non poco la lingua di Brian Clough.
Dopo un’appassionante volata i "Rams" chiudono il loro campionato battendo il Liverpool e scavalcandolo in classifica con 58 punti contro 57, ma tutto sembra inutile perché il Leeds, che affianca al secondo posto i “reds” e il Manchester City, deve recuperare una partita rinviata per permettergli di disputare la finale della FA Cup.
A parità di punti risulterebbe decisivo il quoziente reti, largamente favorevole al Leeds che quindi, anche solo pareggiando al “Molineux Ground” contro il Wolverampthon, si laureerebbe Campione d’Inghilterra.

Come se non bastasse il fatto che i “Wolves” non hanno nulla da chiedere al Campionato, la sfida di recupero è situata fra le due finali di Coppa UEFA che vedono il Wolverampthon opposto al Tottenham.
E’ l’8 maggio 1972 quando al Molineux scende in campo il Leeds che due giorni prima ha vinto la Coppa d’Inghilterra superando in finale l’Arsenal.

Nel frattempo Cloughè in vacanza ed i calciatori del Derby County sono in tournée in Spagna. affidati alle cure di Peter Taylor , nessuno infatti pensa che il titolo possa sfuggire ai bianchi di Don Revie.
Invece accade l’incredibile : in una partita passata alla storia anche per alcune decisioni arbitrali almeno discutibili il Leeds perde la partita per 2-1 ed il Campionato per un solo punto !

I calciatori del Derby apprendono la notizia a Maiorca e Clough avrebbe più tardi dichiarato di non averci creduto fino a che non sfogliò i giornali del giorno dopo.

Sulla partita c’è anche un gustoso aneddoto che vale la pena di ricordare.
Bobby Charlton, il prestigioso calciatore del Manchester United ormai a fine carriera, commentando la partita per la BBC dichiara senza dubbi :- “Il Leeds realizzerà il ‘double’.Non c’è modo che i Wolves possano fermarlo.”-
Questa dichiarazione pungola a tal punto l’orgoglio dei calciatori del Wolverampthon da far loro trovare le motivazioni e la carica per battere il Leeds.
Così, forse grazie anche alla poco diplomatica uscita di Sir Bobby Charlton, i “Rams” possono festeggiare il loro primo titolo in 88 anni di storia.
E’ un trionfo che supera ogni immaginazione, ma Clough è scatenato e vuole di più, la sua ambizione lo porta a pretendere subito il trionfo europeo.
In Coppa Campioni, l’anno dopo, i "rams" raggiungono le semifinali dove incontrano la Juventus in due partite memorabili per intensità e per il vespaio di polemiche che sono destinate a sollevare e delle quali Clough è anche abile regista.
Accade che, a Torino, nella partita di andata vinta dalla Juve per 3-1 l'arbitro Schulenburg ammonisca Archie Gemmill e Mc Farland, che sono glà diffidati, e li escluda quindi dalla partita di ritorno.

A fine partita Clough è una furia .
Le sue esternazioni sono decisamente sopra le righe ed imbarazzano non poco l’UEFA e la Football Association in particolare quando afferma che :- “Dentro lo spogliatoio dell’arbitro c’erano gli italiani, prima della gara e durante l’intervallo !”-.

La dirigenza juventina non risponde alle provocazioni, ma nasce lo stesso qualche attrito nei corridoi dello spogliatoio ed all’uscita della Sala Stampa, quando un Brian Clough sempre più furibondo viene sorpreso ad urlare: “Fucking Italian bastards !” , una frase che non smentirà mai.

Non bastasse questo a fine gara Peter Taylor cerca addirittura di assalire l’arbitro, ma la polizia lo blocca, nasce un diverbio e Taylor rischia addirittura l’arresto.
In effetti il comportamento dei due manager è tutt’altro che inappuntabile e attira sui “Rams” gli strali della stampa italiana che dipinge Clough come un personaggio ai limiti della decenza.
Già questo fatto innesca parecchie polemiche attorno alla partita di ritorno, preceduta da una lunga serie di dichiarazioni bellicose che, sotto l’abile regia di Clough, servono a surriscaldare l’ambiente del “Baseball Ground”.
Il tecnico inglese sa che, specialmente dopo le assenze di Mc Farland e Gemmill, la Juventus è tecnicamente superiore e punta tutto su una gara nella quale la furia agonistica dei “rams” riesca a rovesciare la situazione.
La partita è durissima, giocata senza esclusione di colpi, con un ritmo elevatissimo ,ma il Derby County cozza contro il muro italiano fino al momento in cui si presenta la grande occasione sotto forma di un rigore che l'arbitro, il portoghese Lobo, gli concede.
Lo calcia lo specialista Hinton e lo sbaglia mandando fuori la palla assieme alle speranze deluse di finale europea.
Nel finale il nervosismo la fa da padrone, il centravanti Davies viene espulso ed il Derby County eliminato, ma qualche giorno dopo, intorno alla gara scoppia un caso clamoroso.
Trapela, infatti, la notizia che l'arbitro Lobo abbia denunciato un tentativo di "ammorbidimento" da parte di un faccendiere ungherese, un certo Szolti ,ex arbitro, legato ad Italo Allodi fin dai tempi della Grande Inter.
Brian Glanville, il celebre giornalista inglese, monta un dossier, ma alla fine la cosa non avrà seguito.

Venticinque anni dopo Brian Clough parlando di quelle due partite continuerà a dichiararsi convinto della malafede dell’arbitro di Torino, il tedesco Schulenburg, ripetendo le clamorose accuse lanciate nell’incandescente dopo partita quando aveva accusato il tedesco Haller, connazionale dell’arbitro, di aver “suggerito le ammonizioni giuste”.
Clough, nonostante gli ottimi risultati, è profondamente deluso della situazione in cui si è venuto a trovare, infatti, dopo un paio d’anni esaltanti, attorno al club non avverte più l’entusiasmo di un tempo.
Clough, che ha creato il Derby a sua immagine e somiglianza ed ha bisogno di sentirsi “padrone”, entra all'improvviso in rotta di collisione con l'ambiente che lo circonda, e dopo l’ennesima lite furibonda con il "patron" della squadra, Sam Longson, pianta tutto su due piedi e se ne va assieme al suo collaboratore Peter Taylor.

Alla base di questo feroce dissidio c’è la strategia del “patron” che vuole puntare ad un incarico nella potente federazione inglese e teme che il comportamento del suo manager, spesso in aperta polemica con la Football Association sulla stampa ed in televisione, possa danneggiarlo, ma soprattutto c’è la gelosia di Sam Longson che ,ogni volta che ne ha l’occasione, sostiene: - “Il Derby County l’ho costruito io, non Brian Clough !” – ed è sempre più insofferente verso le attenzioni, anche ossessive, di stampa e televisione per il suo manager e per Peter Taylor.

Comincia l'unico periodo buio della sua carriera : prima allena in Terza Divisione a Brighton, poi ,afine stagione, accetta le proposte del Leeds, appena laureatosi Campione d’Inghilterra, che cerca un sostituto a Don Revie divenuto CT della Nazionale, ma lo lascia dopo solo 44 giorni di continui litigi.

Clough entra in rotta di collisione soprattutto con Billy Bremner, lo scozzese capitano del Leeds.
Il carattere difficile di entrambi complica le cose e fra i due si apre una frattura che non si sanerà mai più .

Anni dopo, a proposito di questa vicenda che ne aveva ferito l’orgoglio più di quanto il suo carattere gli consenta di ammettere, Brian Clough dichiarerà :-“Billy Bremner mi fece sentire un intruso, un clandestino ad un veglione di Capodanno.Non credo abbia mai capito quanto mi abbia fatto sentire male. Comunque se fossi rimasto fino all’aprile successivo, avessi o meno vinto qualcosa, anche Billy Bremner si sarebbe convinto che ero un manager all’altezza di Don Revie, anzi migliore.”

Nottingham

Intanto il Derby County vola in testa il campionato e la favola di Clough sembra finita quando accetta le proposte di un altro club di secondo piano, oltre che di seconda divisione : il Nottingham Forest.
Invece è proprio qui che ricomincia la storia.
Il Nottingham Forest, per usare un eufemismo, attraversa un periodo poco felice.
Dopo aver sfiorato la vittoria in campionato nel 1967, superato solo dal Manchester United, il Forest si era progressivamente allontanato dalle prime posizioni, fino a retrocedere in Seconda Divisione tre anni prima, per una curiosa coincidenza proprio nell’anno del trionfo del Derby County.

La squadra è povera di giocatori di talento e attorno ai “rossi” non c’è entusiasmo.
Le tribune del City Ground non ribollono certo di tifo ed il clima che si respira è quasi di rassegnazione.
E’ questo l’ambiente ideale per Clough che chiama subito due dei sui più fedeli calciatori dei tempi di Derby: John Mc Govern e John O’Hare per porre le basi del “suo” Nottingham Forest.
In questa “ricostruzione” il mattone più importante arriva nel luglio 1976 quando il suo “alter ego” Peter Taylor lo raggiunge ricomponendo la coppia dei tempi di Hartlepools e Derby.
Con Taylor arrivano calciatori di qualità come Martin O’Neill, l’attaccante Peter Withe ed il roccioso difensore Larry Lloyd che il calcio inglese tende ad emarginare per i più svariati motivi, dal difficile carattere di Withe alla supposta “timidezza” di O’Neill.
Con questi rinforzi e con l’innesto di giovani come Viv Anderson, che diventerà primo calciatore di colore a vestire la maglia della Nazionale inglese, e Tony Woodcock ed il recupero di un talento come lo scozzese John Robertson, forse la migliore ala dell’epoca in Inghilterra, il Forest raggiunge la terza posizione in classifica e viene promosso alla Prima Divisione.
Il gioco del Nottingham ricalca quello del Derby County di qualche anno prima.
Il Forest utilizza molto le fasce laterali, pratica un football aggressivo in ogni zona del campo ed ha, in ogni ruolo, calciatori capaci di applicare alla perfezione le indicazioni di Brian Clough che affida i ruoli chiave ai suoi fedelissimi Mc Govern e O’Hare.
L’ambizione di Clough è chiara: dopo la promozione, il titolo.

Per dare sostanza alle sue aspirazioni, Clough chiede ed ottiene l’acquisto di un altro dei suoi fedelissimi dei tempi di Derby: Archie Gemmill, e, soprattutto, convince la società a spendere la cifra esorbitante di 270.000 sterline, all’epoca record mondiale per un portiere, per acquistare dallo Stoke City il portiere Peter Shilton.

Sarà, quello di Shilton, l’acquisto decisivo per il salto di qualità.
Il Forest diventa una fortezza inespugnabile: alla fine della stagione la sua difesa avrà subito solo 24 reti, addirittura 20 in meno della stagione precedente in Seconda Divisione.
Shilton riesce a mantenere inviolata la sua porta per 23 gare sulle 37 disputate ed è grazie ad una sua superba prestazione ed a una parata rimasta negli annali del calcio inglese che, pareggiando per 0-0 a Coventry, il Nottingham Forest si laurea campione a quattro gare dalla fine precedendo i Campioni d’Europa del Liverpool e l’Everton.

Il torneo del Forest è stato superbo, ma massacrante, durissimo soprattutto a livello di tensione nervosa in un’ambiente che, Clough a parte, non è abituato a gestire certe situazioni :proprio dopo la gara decisiva di Coventry Brian Clough lascia capire quanto sia stata dura quella conquista :- “Sono talmente stanco”- dichiara ai microfoni della BBC mentre festeggia la vittoria- “ che faccio fatica a sollevare questa coppa di Champagne”.
Fatica a parte quello del Forest è’ un trionfo assoluto, senza discussioni, ottenuto con largo margine (sette punti) e subendo solo tre sconfitte.
Solo il Leeds, nei tempi moderni, ha fatto meglio, subendo nel 1968-69 solo due sconfitte in 42 partite, e solo Alf Ramsey, con l’Ipswich Town, era riuscito a vincere il Campionato subito dopo essere salito dalla seconda Divisione.
Il Forest diventa la squadra del momento, arrivando ad offuscare la gloria del Liverpool due volte Campione d’Europa, contro il quale trionfa anche in Coppa di Lega vincendo, all’Old Trafford, per 1-0 la ripetizione della finale terminata sullo 0-0 a Wembley.
Brian Clough diventa il personaggio più in vista dell’intero calcio inglese, nonostante il suo carattere e la sua spregiudicatezza lo mettano pesantemente in urto con la federazione.

Clough consolida la sua fama di antipatico, le sue parole tagliano come rasoi, la sua diplomazia è pari a zero e difficilmente usa giri di parole per esprimere i suoi concetti: facile comprendere come nel calcio inglese abbia molti più nemici che amici, nonostante i suoi successi lo pongano su un inattaccabile piedistallo.
Proprio nel 1978 l’Inghilterra subisce una delle sue più pesanti umiliazioni : per la seconda volta consecutiva il calcio inglese, che domina a livello di club, non sarà rappresentato alla fase finale dei Mondiali, in programma in Argentina.
Una parte della stampa specializzata pone la candidatura di Clough per rifondare la Nazionale, ma la Federazione preferisce confermare Ron Greenwood che ha preso in mano la selezione quando la qualificazione era compromessa dai pessimi risultati di Don Revie.
Ai Mondiali Clough si sente comunque rappresentato, nella Scozia, infatti, sono selezionati Gemmill, Robertson e Burns, tre dei suoi pupilli.

I trionfi europei

Come ai tempi di Derby, Clough ha l’ambizione di imporsi a livello europeo e stavolta è deciso a tutto pur di trionfare.

Per l’attacco decide di lanciare un altro giovane, Gary Birtles e ottiene un altro sacrificio dal suo presidente : l’acquisto ad una cifra record per il calcio inglese di Trevor Francis, l’attaccante considerato il miglior prodotto del vivaio nella seconda metà degli anni ’70.
Il venticinquenne talento del Birmingham City viene strappato alla concorrenza per una cifra che supera, per la prima volta nella storia del calcio britannico, il milione di sterline.
Una follia, oltretutto contro la logica della “costruzione” dei giocatori provenienti dal vivaio e del recupero di calciatori in crisi, tipica del sodalizio con Taylor .

Clough, tuttavia, sa che il Forest per restare competitivo ed affrontare la sfida europea, ha bisogno del talento di Trevor Francis, ed oltre al sacrificio economico, pur di ottenerne la firma sul contratto, scende a compromessi impensabili per un “duro” come lui.

Arriva addirittura ad accettare che il talentuoso attaccante giochi d’estate, ben remunerato, nel campionato USA.

Il trasferimento viene tuttavia perfezionato solo a stagione iniziata e in Coppa dei Campioni Trevor Francis non può essere impiegato fino alla finale.
Intanto Clough ha già ottenuto il primo successo: a Wembley un Nottingham sfavillante ha travolto con un inappellabile 5-0 l’Ipswich Town nel Charity Shield.

Il Nottingham è lanciatissimo e passa da un trionfo all’altro.
Nel primo turno della Coppa Campioni il sorteggio ha opposto il Forest ai campioni d’Europa del Liverpool, in uno scontro senza precedenti.
La prima gara si disputa al City Ground e quella sera del settembre 1978 nasce la leggenda europea degli “arcieri”.
Non potendo disporre di Francis, Clough conferma in prima squadra il giovane Garry Birtles, la sua ultima invenzione, che ne ripaga la fiducia con un gran gol.
Il Liverpool appare frastornato dall’aggressività del Forest e non riesce a reagire, poi, a pochi secondi dalla fine, un altro calciatore inserito a sorpresa dall’inizio, il difensore Colin Barrett, batte Clemence per la seconda volta e ipoteca la clamorosa qualificazione.
Qualificazione che arriva grazie allo 0-0 difeso da Shilton e compagni ad Anfield Road due settimane dopo : il Nottingham Forest diventa così una delle favorite alla conquista della Coppa Campioni.
Clough non si smentisce, la sua sete di successi è quanto mai viva.

In campionato il Forest lotta per il titolo, ma l’arrivo ritardato di Trevor Francis dà un netto vantaggio al Liverpool che prende il largo, il Nottingham si conferma solidissimo in difesa e subisce solo tre sconfitte, ma pareggia troppe volte ed alla fine chiude ad otto punti dalla vetta.

Frattanto, in Coppa Campioni gli “arcieri” superano ottavi e quarti ed arrivati in semifinale si trovano di fronte l’ostacolo più duro: il Colonia.
La partita di andata è destinata ad essere ricordata come una delle più avvincenti della storia del prestigioso trofeo.
Sul terreno pesantissimo del City Ground, flagellato da due giorni di pioggia che fortunatamente dà tregua per lo svolgimento della gara, le due squadre si affrontano a viso aperto, senza tatticismi, anche perché sulla panchina tedesca siede un maestro del calcio spregiudicato ed offensivo : Hannes Weisveiler.
Entrambe le squadre sentono che questa è destinata ad essere la vera finale del torneo alle cui semifinali partecipano quattro squadre che non appartengono al gotha europeo e non hanno mai vinto una manifestazione internazionale.

Dopo appena 20 minuti i tedeschi sono in vantaggio per 2-0 ed appaiono padroni del campo; il sogno europeo degli “arcieri” sembra definitivamente tramontato ed il Colonia sembra sul punto di poter dilagare, ma proprio nel momento più difficile il Nottingham Forest mette in campo le doti di combattività trasmesse dal suo condottiero.
Birtles accorcia le distanze ed alla fine del primo tempo il gioco si riequilibra, ma dopo l’intervallo i padroni di casa si scatenano letteralmente.
La porta tedesca, difesa da Schumacher, viene assediata, il Forest, galvanizzato, attacca a folate in preda ad una sorta di furia agonistica entusiasmando il pubblico del “City Ground”.
Prima Bowyer, con un gran destro in mischia, trova il pareggio, poi, poco dopo il quarto d’ora, John Robertson conclude a rete un’azione corale con un gol di testa, una rarità nel suo repertorio.
Il “City Ground” esplode, l’entusiasmo è alle stelle, ma nel finale i tedeschi sfruttano l’inevitabile calo atletico degli arcieri dovuto all’immane fatica sopportata su un terreno ai limiti della praticabilità e ottengono il pareggio con un gol del giapponese Okudera.
Il 3-3 sembra l’anticamera dell’eliminazione :come sei anni prima col Derby l’avventura europea di Brian Clough sembra destinata a chiudersi in semifinale.
Al ritorno non sono in molti a concedere i favori del pronostico al Nottingham, solo Clough si dimostra ottimista al limite dello sbruffone, ma sul campo il Forest gli dà ragione.

Gli “arcieri” disputano una gara tatticamente perfetta, un capolavoro di concentrazione e disciplina.
Tanto la gara dell’andata era risultata aperta, tanto quella di Colonia risente dell’importanza del risultato, nettamente favorevole ai tedeschi, che cercano di portare a casa il pari aspettando che gli avversari, obbligati a vincere, si scoprano.
Il Nottingham, tuttavia, non casca nella trappola.
Nonostante la presunta scarsa esperienza internazionale, gli “arcieri” sono gelidi nell’amministrazione della gara, il Nottingham non rischia nulla e passa in vantaggio con Bowyer a poco meno di mezz’ora dalla fine: il Forest è in finale.

Clough “sente” che è fatta, nulla potrà più opporsi al Nottingham che, per la partita decisiva, disporrà, per la prima volta in campo europeo, del decisivo apporto di Trevor Francis.
In finale approda il Malmoe, allenato da un inglese Bob Houghton, una squadra ordinata e poco brillante che non ha stelle ed è arrivata alla finale eliminando a sorpresa nei primi turni la Dinamo Kiev.

All’ Olympiastadion di Monaco si prevede ancora una gara tattica, ma Clough sorprende tutti schierando tre punte, Birtles, Woodcock e Francis, senza rinunciare a Robertson, e lasciando fuori Gemmill e O’Neill.
La partita la gioca solo il Nottingham, gli svedesi si difendono con sempre maggior affanno fino a che, dopo un’ubriacante azione in dribbling sulla sinistra, Robertson serve a Francis il gol della vittoria, proprio all’ultimo minuto del primo tempo.
La gara si chiude qui, nella ripresa il Forest conferma la sua superiorità e coglie un palo con Robertson prima del meritato trionfo.
Dopo questo successo Clough viene celebrato come il miglior manager d’Inghilterra, nonostante le sue dichiarazioni urtino, come al solito, più di una suscettibilità.

Il Nottingham ha chiuso imbattuto la sua campagna europea ed ha conquistato anche la Coppa di Lega battendo a Wembley il Southampton in una partita nella quale Clough compie un gesto di rara generosità : nella finale lascia che a guidare la squadra sia Peter Taylor per dimostrare quanto sia importante il suo contributo nei successi del Forest.

Forest che diventa un “caso di studio” per l’intero calcio europeo che si interroga come una squadra che in oltre ottant’anni di storia aveva vinto solo una Coppa d’Inghilterra, nel lontano 1959, e che quattro anni prima era arrivata sedicesima in seconda divisione, sia riuscita a centrare, in tre sole stagioni, la promozione in Prima Divisione, la vittoria in campionato, la conquista di due Coppe di Lega ed infine il trionfo europeo in Coppa dei Campioni.
Il ”fenomeno” Forest viene vivisezionato: il modulo è semplice, ricalca il classico 4-3-3, ma viene corretto grazie alla duttilità di alcuni elementi ed alle scelte innovative che Clough ripropone costantemente fino dai tempi di Derby.

Davanti a Shilton i due centrali, Burns e Llloyd, formano un bastione insuperabile, sulle fascia destra c’è il fuoriclasse Anderson, a sinistra l’esperto Clark che, nonostante le trentacinque primavere, funge da propulsore offensivo.
A centrocampo Bowyer, che si sgancia spesso per concludere, Mc Govern e Gemmill (oppure O’Neill) sono spesso affiancati da Woodcock, che pendola su tutto il fronte offensivo, garantendo supporto al filtro ed al pressing.
Davanti Birtles e Francis si scambiano spesso di posizione per sfruttare gli sfondamenti di John Robertson che agisce da ala classica, mantenendo costantemente largo il fronte di attacco del Forest.

Brian Clough porta semplicità, con pochi ritocchi, con sottili aggiustamenti, riesce ad adeguare il modo di giocare inglese al calcio moderno e di questa sua convinzione fa una bandiera , un credo.

“Il Nottingham gioca un football al passo coi tempi” – dichiara spesso Clough- “la Nazionale inglese no, per questo il calcio inglese è meglio rappresentato dal Nottingham di quanto non lo sia dalla Nazionale”

Ma non vuol sentire parlare di tattica :-“Sono i calciatori che perdono le partite e sono sempre i calciatori che qualche volta le vincono. Quelli che parlano tanto di tattica scambiano il calcio col domino”

Sono di questo tenore le esternazioni di Clough che chiaramente ha sempre meno amici.

L’anno dopo il Nottingham Forest si ripresenta al via con poche novità e qualche problema.
Tony Woodcock, uno dei calciatori chiave della precedente stagione, sta trattando il suo trasferimento al Colonia, gli arrivi non sono di prima qualità né di primo pelo : Stan Bowles, Charlie Gorge, ma soprattutto Frank Gray, un terzino sinistro ancora giovane, ma già esperto, destinato a raccogliere l’eredità di Frank Ckark, ormai trentaseienne.
Clough capisce che la squadra non è più in grado di lottare su più fronti, specialmente dopo la partenza di Woodcock, e concentra le sue ambizioni sul bis in Coppa Campioni, mentre in Campionato la squadra si attesta nelle posizioni di rincalzo.

I primi due turni non rappresentano un problema per gli “arcieri”, forti ancora di un Woodcock scatenato, ma alla ripresa primaverile il Nottingham subisce, al “City Ground”, la sua prima sconfitta europea contro la Dinamo Berlino.
Sembra finita, ma al ritorno Clough realizza un capolavoro tattico e psicologico.
Il Forest entra in campo a Berlino, letteralmente trasformato : Trevor Francis, che disputa forse la miglior partita della sua carriera, segna una doppietta e Robertson trasforma un rigore : già alla fine del primo tempo la qualificazione è al sicuro.
Il trionfo mitiga la delusione per un Liverpool ormai irraggiungibile in testa al campionato e convince tutto l’ambiente che la riconquista della Coppa è possibile, Clough, come al solito, si dichiara apertamente certo del trionfo già prima di disputare la semifinale con l’Ajax e soprattutto calca la mano sul fatto che i rivali del Liverpool sono già fuori.

Intanto il Forest, che ha rifiutato di giocare la finale Intercontinentale in due partite contro l’Olimpia di Asuncion, conquista la Supercoppa Europea battendo il Barcelona grazie ad una rete del redivivo Charlie George al “City Ground” ed a un pareggio autorevole in Spagna.
Clough è buon profeta : l’Ajax è superato e per la finale di Madrid si qualifica l’Amburgo che elimina il Real evitando così al Nottingham l’insidia di una finale nella tana del lupo.
Ad una buona notizia,tuttavia, come accade spesso, ne segue una brutta: alla vigilia della finale Trevor Francis, che sta attraversando un momento di forma eccezionale, si infortuna gravemente al tendine d’Achille: è un brutto colpo per le ambizioni del calciatore e del Forest.

Francis è costretto a saltare gli Europei e resterà assente per sei mesi dai campi di calcio, il Nottingham perde la sua arma più temibile, l’uomo che con il suo gol ha firmato il trionfo nella Coppa dell’anno prima.
L’ago della bilancia dei pronostici comincia a pendere decisamente dalla parte dei tedeschi che dopo l’infortunio di Francis diventano i favoriti della finale per tutti, ma non per Brian Clough che continua a proclamarsi sicuro della vittoria.
I campioni di Germania , sulla cui panchina siede una vecchia volpe come Branko Zebec, accanto ai nazionali tedeschi Hrubesch, Kaltz, Jakobs ed allo jugoslavo Bulijan, schierano anche il capitano della Nazionale inglese Kevin Keegan e di questo Clough approfitta per caricare i suoi.

La gara, attesissima, si disputa il 28 maggio davanti ad un Bernabeu gremito.

Come l’anno prima col Malmoe,anche stavolta la gara si preannuncia molto tattica.

Le due squadre si temono e si conoscono.Il Nottingham schiera, accanto a Birtles e Robertson, l’irlandese O’Neill che riesce a imbrigliare le avanzate di Kaltz, e sostituisce Francis con un giovanissimo centrocampista, Gary Mills, che con 18 anni appena compiuti diventa il più giovane protagonista di una finale europea.
Dopo meno di venti minuti, Robertson si libera sulla sinistra dell’area tedesca e stringendo al centro lascia partire un rasoterra che batte il portiere tedesco : il Nottingham è in vantaggio e grazie alle prodezze del suo portiere Shilton ci resterà fino alla fine.
Nonostante i disperati assalti tedeschi la difesa del Forest resiste imperniata su Kenny Burns che Clough definirà :- “Il miglior giocatore che abbia mai avuto con me, capace di far segnare dei gol, di segnarli lui stesso e di difendere come un gigante !”
Alla fine il Forest trionfa e diventa l’unica squadra europea ad aver vinto, nella sua storia più Coppe dei Campioni che titoli nazionali.

Per Brian Clough è un’autentica consacrazione, ormai è considerato dall’opinione pubblica il miglior tecnico del Regno Unito, ma nonostante ciò, dopo la deludente prestazione della Nazionale inglese all’Europeo la sua candidatura a Commissario Tecnico non viene sostenuta dalla stampa e osteggiata da influenti personaggi della Federazione.

Intanto l’ambiente attorno al Nottingham Forest comincia a mostrare qualche insofferenza verso l’ingombrante personalità del suo leader indiscusso che ha la tendenza di agire come un despota assoluto.

Garry Birtles, una delle sue “creature” lascia il Forest per approdare al Manchester United, è un trasferimento importante, ma soprattutto è un altro pezzo della squadra costruita da Clough e Taylor che se ne va: in due anni si è dissolta la coppia delle meraviglie formata da Woodcock e Birtles.
Anche il sodalizio con Peter Taylor si incrina.

Le sconfitte

La squadra appare logora e, sempre priva di Trevor Francis, esce al primo turno dalla Coppa Campioni contro i bulgari del CSKA.
In campionato le cose non vanno meglio, alla fine il Nottingham sarà settimo a dieci punti dalla testa della classifica e neppure le altre Coppe,l’Intercontinentale a Tokio e la Supercoppa col Valencia portano fortuna agli “arcieri”.
Nella prima ad un Nottingham stanco e frastornato e anche a causa del “jet lag”, non basta il recupero di Francis, ed il Nacional di Montevideo lo batte per 1-0, mentre nella doppia sfida europea contro il Valencia è fatale agli inglesi la regola dei gol che fuori casa valgono il doppio: dopo il 2-1 al City Ground è ancora fatale il gol di un uruguagio, Fernando Morena, nella gara di ritorno.

La squadra che aveva abituato i propri tifosi a sei finali consecutive sempre vittoriose (fra Coppe di Lega, Coppe dei campioni, Charity Shield e Supercoppa) entra in una spirale di sconfitte mortificanti.

I nuovi acquisti, fra i quali l’italo-svizzero Raimondo Ponte, fortemente voluto da Taylor, e gli attaccanti Ward e Wallace, non si inseriscono e la proverbiale affidabilità del gioco del Nottingham viene fatalmente meno.
Il grave infortunio di Francis ed il suo recupero solo a Campionato già iniziato ha contribuito non poco a peggiorare la situazione e nonostante alcune grandi prestazioni del centravanti anche nella Coppa d’Inghilterra il Forest viene eliminato dall’Ipswich al sesto turno, dopo la ripetizione dell’incontro .

La stagione successiva comincia male.

Trevor Francis, dopo due partite di campionato viene ceduto al Manchester City, anche il suo rapporto con Clough si è deteriorato nell’ultimo anno.

A fine stagione Peter Taylor, il suo assistente, annuncia il ritiro dal calcio “per gravi motivi di salute” , poi firma per il Derby County e si porta con sé John Robertson dopo una cruenta battaglia legale.

Il sodalizio che sembrava destinato a durare in eterno cessa di esistere.
I due non si rivolgeranno più la parola fino alla morte di Peter Taylor, nel 1990, e da quel giorno Brian Clough vedrà peggiorare i suoi problemi con l’alcool.
Il “vecchio testone”(Big Old ‘Ead, come lo chiamano affettuosamente i tifosi del Nottingham) si sente accerchiato e tradito, ma reagisce.
Costruisce una squadra di giovani tanto da affermare, prima del campionato: -“Quest’anno nel Forest l’acne sarà un problema peggiore degli infortuni”-

Vengono ceduti, oltre a Robertson, anche Trevor Francis, e soprattutto Peter Shilton che “rompe” con il tecnico e con l’ambiente, mentre da tempo se ne sono andati Martin O’Neill , Larry Lloyd e John Mc Govern e sta per lasciare Nottingham anche Viv Anderson.

La squadra si comporta bene : quinto posto nell’82-83, terzo posto l’anno successivo.
In quell’anno il Forest torna alla ribalta anche in Europa raggiungendo la semifinale della Coppa UEFA dalla quale viene eliminato dall’Anderlecht non senza polemiche su un arbitraggio quantomeno discutibile:- “E’ stata una partita ‘storta’ con un arbitro ‘storto’”, ma questa era una competizione che avremmo potuto e dovuto vincere lo stesso”.

In effetti dopo la vittoria per 2-0 al City Ground il Forest perde per 0-3 al ritorno in Belgio incassando la peggior sconfitta della sua storia europea.

E’ anche l’ultima occasione per Clough e per il Nottingham di brillare sul palcoscenico europeo.

L’anno successivo, nel 1985, gli “hooligans” del Liverpool provocheranno la tragedia dell’Heysel, causando 39 morti fra i tifosi della Juventus nella finale di Coppa dei Campioni, e l’UEFA metterà al bando dalle competizioni europee i Club inglesi.

La squadra, intanto, ha giovani interessanti, come Hodge, il terzino Pearce (detto Psycho), il difensore centrale Des Walker, il centrocampista Neil Webb e mette sul terreno l’entusiasmo tipico delle squadre giovani, ma fatalmente le mancano esperienza e cattiveria.

Dopo una delle tante mancate vittorie a causa dell’inesperienza il manager, stanco di dover rispondere a domande sull’ingenuità dei suoi calciatori ai microfoni della BBC, taglia corto :- “ Ascoltatemi bene” -dichiara- “la nostra ‘rosa’ è tanto giovane che parecchi di loro credono ancora a Babbo Natale, ed io non ho il cuore di dire loro la verità…”

Intanto arriva alla soglia della prima squadra anche il figlio Nigel, centravanti come il padre, che per un gioco del destino (forse pilotato dall’abile regìa di Brian Clough…) esordisce in Campionato, a soli diciotto anni , proprio nel “Boxing Day” del 1984, ovvero nello stesso giorno che era stato fatale alla carriera del padre ventidue anni prima.

Rapidamente Nigel diventa un titolare, ma nonostante le indubbie qualità della “rosa” la squadra risente degli alti e bassi e della discontinuità dei suoi giovani : due noni posti, poi un ottavo sono quanto riesce a raccogliere in tre campionati anonimi, oltre a tre brucianti eliminazioni nei primi turni della FA Cup.

La caduta nell’anonimato del Forest fa tornare a galla il sogno di “Old Big ‘Ead”, quel sogno la cui mancata realizzazione brucia più di quanto sia mai riuscito a confessare: diventare Selezionatore di una Nazionale.

Tramontata definitivamente la possibilità di sedere sulla panchina dell’Inghilterra, anni prima gli era stata ventilata la possibilità di quella dell’Irlanda e ,infine, nel 1988, arriva l’offerta di diventare Commissario Tecnico del Galles.

Clough ne è entusiasta.
E’ convinto di poter portare Hughes, Rush e compagni ai Mondiali di “Italia ‘90” e la trattativa va avanti arrivando vicino alla conclusione, quando il “board” del Nottingham Forest blocca le aspirazioni di Clough rifiutandosi di lasciarlo libero dai suoi impegni con il Club.

E’ un brutto colpo, ma Clough sa assorbirlo bene.

E’ un professionista e conosce il valore di un contratto, ma soprattutto sa di avere altri sogni e ancora la voglia di qualche “passeggiata sull‘acqua” per mano ai suoi “arcieri”

Hillsborough

Clough sa che la squadra è giovane e può crescere, ma si rende conto di dover selezionare gli obiettivi : quello principale diventa la FA Cup, l’unico trofeo che sembra stregato per lui e per il Nottingham che non lo vince dal 1959.

quindi, nell’87-’88 e nell’88-89 due terzi posti.

In questi ultimi due anni la squadra sfiora la Finale della FA Cup.

La prima è addirittura una cavalcata irresistibile : dopo l’Halifax ed il Leyton Orient il Nottingham elimina, sempre in trasferta, anche il Birmingham e l’Arsenal, poi nella semifinale di Sheffield, ad Hillsborough, si arrende al Liverpool che vince per 2-1, nonostante un gol del figlio Nigel,ormai titolare fisso del nuovo Forest.

Per Clough è una grande delusione, ma l’anno dopo, ancora in una semifinale di FA Cup, ancora ad Hillsborough ed ancora contro il Liverpool, sarà molto peggio.

Quel 15 aprile 1989 sarà una giornata destinata a segnare profondamente la vita di Clough e forse anche ad accorciarne la carriera, infatti da quel giorno Hillsborough, lo stadio dello Sheffield Wednedsday, evocherà il ricordo di una delle più gravi tragedie della storia del calcio.

Meno di quattro anni dopo l’Heysel, mentre l’UEFA discute la riammissione delle squadre inglesi alle competizioni europee per club, sulle tribune di Sheffield trovano la morte 96 giovani tifosi del Liverpool schiacciati contro le recinzioni del terreno di gioco.
L’opinione pubblica inglese è scioccata, Clough rimane sconvolto e dopo la tragedia rilascia pesanti dichiarazioni contro i tifosi del Liverpool cui attribuisce la responsabilità dell’accaduto.

Le parole di “Big Old ‘Ead” hanno un effetto dirompente.

I tifosi del Liverpool lo individuano come il nemico numero uno, anche i “tabloid” ne fanno al tempo stesso un “opinion maker” ed un bersaglio, usano le sue dichiarazioni a caldo e poi lo accusano di cinismo ed insensibilità.
Quando Clough si accorge di aver sbagliato è troppo tardi : è diventato il “nemico pubblico numero uno”.
Non parlerà mai più di quella giornata maledetta, ma secondo alcuni da quel pomeriggio “Cloughie”, come lo chiamano i tifosi, non sarà più lo stesso.

Nella ripetizione, programmata all’Old Trafford, il Nottingham Forest, che fino a quel momento ha eliminato Ipswich, Leeds, Watford e Manchester United senza subire neppure un gol, forse frastornato dalla vicenda più ancora degli avversari,viene travolto per 3-1 dal Liverpool.

Per gli “arcieri” però la stagione più tragica della storia del calcio inglese segna anche il ritorno alla vittoria: battendo in finale il Luton Town per 3-1 conquistano la terza Coppa di Lega negli ultimi dieci anni.

Le coppe di Lega diventano quattro nella stagione successiva, ma il Forest scende al nono posto ed in Coppa d’Inghilterra si arrende subito al Manchester United, futuro vincitore del trofeo.

L’ultimo assalto

Intanto fra i giovani più interessanti arriva alla prima squadra anche un irlandese duro come l’acciaio che mostra, già da giovanissimo, una personalità eccezionale: è Roy Keane che diventerà il capitano del Manchester United e della Nazionale irlandese.

La squadra ha diversi calciatori di valore assoluto, Stuart Pearce e Des Walker sono titolari fissi in nazionale e risultano fra i migliori ai Mondiali dove l’Inghilterra ottiene il miglior piazzamento dopo la vittoria del ’66.
Hodge e Nigel Clough sono ormai colonne portanti e puntando su di loro il Nottingham parte all’assalto della stagione successiva con grandi speranze.

Il “vecchio testone” punta sempre di più e sempre più apertamente sulla Coppa d’Inghilterra, ma stavolta lo aspetta una delusione se possibile ancora più cocente.

Dopo una sofferta qualificazione al debutto con il Crystal Palace battuto solo dopo tre partite, il Nottingham supera il Newcastle ed il Southampton ancora dopo una partita di spareggio, poi batte il Norwich City ed approda alla semifinale.

Al Villa Park lo aspetta una sfida insidiosa con il West Ham, ma il Forest sfodera una prestazione fra le più brillanti del recente passato e trionfa per 4-0, approdando così alla finale di Wembley per la prima volta dopo 32 anni di interminabile attesa.

Per Brian Clough è l’attesissima prima volta e deve affrontare il Tottenham Hotspurs che nell’altra semifinale ha eliminato l’Arsenal in un derby combattutissimo giocato proprio a Wembley.
Il pronostico è quanto mai incerto, il Tottenham schiera Paul Gascoigne il calciatore più fantasioso che il calcio inglese abbia mai avuto dai tempi di Best, ma il Forest appare più organizzato, più solido.

Oltretutto proprio “Gazza” ha deciso con un colpo di classe la sfida con l’Arsenal e il 18 maggio tutto Wembley lo aspetta.
Il tifo è ovviamente per gli Spurs, che giocano in un certo senso “in casa”, ma dalle Midlands arriva un gran numero di tifosi: è un’invasione con pochi precedenti, un esodo che supera quello delle finali europee e surclassa le presenze di tifosi dei reds nelle finali di Coppa di Lega degli ultimi due anni.

Il “vecchio” è in grande forma e non lesina dichiarazioni bellicose, oltretutto l’avversario in panchina è stimolante : Terry Venables, uno col quale in passato non sono mancati scambi di opinioni molto accesi.
Per chi lo conosce bene, tuttavia, è chiaro che “Cloughie” vive troppo intensamente la vigilia della partita, forse anche perchè “sente” che sarà l’ultima occasione per vincere quel trofeo, l’unico che gli è sempre sfuggito.

La gara è intensa e diventa drammatica quando, dopo un quarto d’ora “Gazza” Gascoigne nel tentativo di contrastare un attacco del Forest al limite della sua area commette fallo e si procura un terribile infortunio al ginocchio, tanto da far temere per la sua carriera.

Mentre il Tottenham perde il suo calciatore più forte ed il Nottingham l’avversario più temuto, gli “arcieri” passano addirittura in vantaggio con Stuart Pearce che trasforma la punizione concessa dall’arbitro.

I tifosi dei rossi sono in tripudio e lo stesso Clough fatica a contenere l’entusiasmo.
La gara resta saldamente in pugno ai rossi fino alla fine del primo tempo, “Big Old ‘Ead” ha fatto le scelte giuste, il giovane Keane risulta fra i più positivi e in difesa accanto a Pearce, galvanizzato dal gol, Walker è un baluardo insormontabile.

Al rientro delle squadre dagli spogliatoi sono pochi quelli che scommetterebbero su un risultato diverso dalla vittoria del Forest che sembra anche favorito dalla sorte, ma, improvvisamente, il Tottenham pareggia dopo pochi minuti di gara.

La partita diventa equilibrata , il Nottingham è meno sicuro di sé, mentre sia in campo che sulle tribune il Tottenham prende coraggio.
La sfida diventa appassionante, ma entrambe le squadre evitano di scoprirsi, temendo la beffa e il ricorso ai tempi supplementari diventa piano, piano una certezza.

E la beffa, crudele come non mai arriva per Clough e i suoi proprio all’inizio del primo “extra-time” : Des Walker, forse il migliore degli “arcieri” devia alle spalle del proprio portiere il pallone che manda il Tottenham in paradiso ed il Nottingham all’inferno.

Brian Clough in panchina è pietrificato dallo sgomento, la squadra, come svuotata, cerca una reazione, ma il tempo trascorre implacabile e “Big Old ‘Ead” sembra invecchiare a vista d’occhio.
Quando alla fine l’arbitro decreta la fine dell’incontro l’uomo che stringe la mano a Terry Venables è un Clough svuotato di energia ed entusiasmo, un Clough che non reagisce alle domande velenose dei cronisti e non attacca né avversari né arbitro dopo una sconfitta tanto beffarda da essere atroce.

La delusione dell’ambiente è enorme, ma quella del “vecchio” è troppo grande perché riesca ad esprimerla, tanto da arrivare ad annunciare il suo ritiro dal calcio.
La dirigenza del Nottingham e soprattutto i tifosi riescono a convincerlo a tornare sulla sua decisione, ma il Clough che siede sulla panchina del Forest nelle ultime due stagioni della sua carriera non è più “Big Old ‘Ead”.

Cala il sipario

La morte dell’ex amico e collega Peter Taylor, avvenuta senza che si rappacificassero dopo sette anni senza rivolgersi la parola, la tragedia di Hillsborough, le polemiche e le denunce che erano seguite alla vicenda, il veleno che gli era piovuto addosso dopo che aveva espresso la sua opinione sulle responsabilità dei tifosi del Liverpool, e soprattutto il dolore per la morte di quei 96 giovani giovani tifosi lo avevano provato forse più di quanto fosse disposto ad ammettere anche a sé stesso.

Con un Clough irriconoscibile e rassegnato, le ultime due stagioni al Forest si concludono con la retrocessione in Seconda Divisione che arriva dopo un campionato disastroso concluso all’ultimo posto della graduatoria e con il suo abbandono della panchina, quando ha compiuto da poco il cinquantasettesimo anno d’età .

Le cifre della sua carriera sono quanto mai eloquenti : in ventotto anni ha collezionato 1319 panchine, di cui 907 solo a Nottingham, vincendo due campionati, due Coppe Campioni, la Supercoppa Europea, quattro Coppe di Lega, il Charity Shield ed una quantità di tornei minori.

“Old Big ‘Ead” diventa una sorta di opinionista, il suo carattere non è migliorato, la sua lingua è tagliente come ai tempi dei “rams” e del “City Ground”, la sua prestigiosa carriera lo mette al riparo dalle critiche quando esprime giudizi senza appello.

Per qualche anno assiste alla trasformazione del calcio inglese; critica la moda dei calciatori stranieri superpagati, le sue analisi risultano sempre lucide e spietate e le sue battute sono spesso condite con l’arsenico.

Quando l’Arsenal ingaggia l’allenatore francese Wenger e diversi calciatori d’oltremanica, come Henry, Petit e Pires, Clough dichiara alla BBC, che gli chiede un pronostico sulla Premier League :- “Una cosa e certa : nei prossimi mesi gli spogliatoi di Highbury puzzeranno più di aglio che di olio per i massaggi …”-

Purtroppo trovano conferma anche le voci sui suoi problemi di salute dovuti all’alcool, e le sue apparizioni pubbliche diventano sempre meno frequenti.
Nel 1998 suo figlio Nigel, che lui aveva lanciato nel Nottingham Forest e che poi aveva avuto un ricco contratto con il Liverpool, segue le orme paterne cominciando ad allenare il Burton Albion .
Per un curioso gioco del destino sono la stessa squadra e lo stesso posto occupati, trentaquattro anni prima, da Peter Taylor che poi avrebbe raggiunto Brian Clough all’Hartlepools.

Le condizioni di Clough sono preoccupanti, viene messo in lista d’attesa per un trapianto del fegato, come accade a George Best.

Prima di venire operato rilascia una dichiarazione toccante:- “Se dovessi morire non vorrei un epitaffio glorioso per le vittorie che ho colto, mi basterebbe sentir dire che ho contribuito, e sarei contento di essere piaciuto a qualcuno… “-

La storia di Clough deve ancora aspettare per diventare leggenda, viene operato e dopo il trapianto la sua vita, la vita di Brian Clough, torna lentamente alla normalità.

Con la moglie Barbara si prende cura dei nipoti, ama ancora parlare di calcio, della sua fantastica avventura a cavallo della tigre e, soprattutto, dei bei tempi quando con il Derby e il Forest “camminava sull’acqua” .

Nella sua biografia, uscita nel 2002, confessa il suo rammarico più grande : non aver finito il lavoro iniziato con Peter Taylor a Derby, dove avrebbe potuto raccogliere gli stessi successi di Nottingham ed ammette che “lasciare il Derby County è stato il più grande sbaglio della mia vita”

Il suo libro, non a caso, ha una dedica particolare e commovente : -“Agli amici che non ci sono più, quelli che ho perso e che mi mancano così tanto”.


http://www.postadelgufo.it/maestri/BrianClough.html

_________________
Prova, prova, un due tre, prova.


Share on FacebookShare on TwitterShare on Google+
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 27 lug 2010, 21:11 
Non connesso
Road Runner
Road Runner
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: mar 28 ott 2008
Alle ore: 17:52
Messaggi: 7699
Località: MI
Brian Clough è uno dei personaggi calcistici più popolari in Inghilterra. Forse per il carattere difficile e incline alla polemica, forse per le umili origini e una carriera (sia da giocatore che da allenatore) molto contraddittoria in cui si sono alternati grandi successi e rovinose cadute, o forse perchè è stato un grande protagonista in un'epoca dove il football inglese, a livello di club, ha raggiunto il suo apice. Una vita da film, non a caso su di lui ne è stato girato uno, anche se in esso si narra solamente del breve e deludente periodo di Leeds.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar 27 lug 2010, 21:43 
Non connesso
Primavera
Primavera
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: gio 20 nov 2003
Alle ore: 23:14
Messaggi: 3672
Località: Europa
"Il maledetto United" doveva uscire al cinema anche in Italia ma alla fine non è più uscito ed è stato distribuito direttamente in DVD, comunque l'ho visto ed è carino.. anche se appunto parlare solo della breve esperienza al Leeds, con vari flashback riguardo il periodo Derby, non spiega certamente tutto il personaggio nè tantomeno tutta la storia.. tanto per fare un esempio, uno che vede il film potrebbe pensare che poi Clough e Taylor si fossero definitivamente riappacificati dopo il fallimento di Clough al Leeds mentre in realtà poi come abbiamo visto dopo le vittorie col Forest hanno avuto nuovamente problemi.

_________________
Prova, prova, un due tre, prova.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer 28 lug 2010, 18:47 
Non connesso
Road Runner
Road Runner
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: mar 28 ott 2008
Alle ore: 17:52
Messaggi: 7699
Località: MI
Il film "Il maledetto United" è tratto dall'omonimo romanzo di David Peace

http://ukfootballplease.blogspot.com/20 ... peace.html


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio 30 dic 2010, 3:28 
Non connesso
Guerriero Sardo
Guerriero Sardo
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 22 giu 2008
Alle ore: 4:11
Messaggi: 5833
Località: Konoha
Ho appena finito di vedere il film, mi è piaciuto parecchio peccato che tratti solo un periodo della vita di questo vulcanico personaggio.
Sarei curioso di leggere la sua biografia.

_________________
ImmagineImmagine

Non guardo Fiorello ne la Carrà ma solo Criscitiello e Pedullà!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio 30 dic 2010, 13:06 
Non connesso
Allenatore in Seconda
Allenatore in Seconda
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: lun 31 gen 2005
Alle ore: 17:12
Messaggi: 9271
Località: Clown Town
visto pure io ;)

Cita:
uno che vede il film potrebbe pensare che poi Clough e Taylor si fossero definitivamente riappacificati dopo il fallimento di Clough al Leeds mentre in realtà poi come abbiamo visto dopo le vittorie col Forest hanno avuto nuovamente problemi.


infatti :asd

Personaggio davvero intrigante. Non lo conoscevo e devo dire che la sua storia/carriera mi ha entusiasmato.
Sarò anche perché ho trovato molte similitudini con un personaggio a me caro, però portoghese :asd :grin

_________________
"...insieme alla sua reputazione."


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio 30 dic 2010, 13:59 
Non connesso
Pulcino
Pulcino
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: dom 5 dic 2010,
Alle ore: 1:10
Messaggi: 1803
Località: Granducato Di Toscana
Magari faranno un seguito col periodo glorioso al NFFC

_________________
de sica con l'ultimo "amici miei" hai offeso FIRENZE, ora io con i miei amici offendo roma

THIS IS FIORENTINA http://www.youtube.com/watch?v=KuS3HOW2Kjo

"Ho visto alti e bassi, l'amore di qualcuno e l'infinito egoismo di altri. Chi ha sofferto e fatto sacrifici ha il mio rispetto, chi l'ha usata solo per pubblicità ha il mio disprezzo."


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio 30 dic 2010, 15:00 
Non connesso
Il giocatore d'azzardo
Il giocatore d'azzardo
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: mer 16 mar 2005
Alle ore: 14:59
Messaggi: 3762
Località: Rimini
gran bella storia...ho provato a cercare il film,ma niente..se qualcuno sa come rimediarlo me lo dica via mp :ops

_________________
follow me on https://twitter.com/lorenzolari90 and www.sportellate.it


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab 22 dic 2012, 4:40 
Non connesso
Ultras
Ultras
Avatar utente

Reg. il: gio 22 nov 2012
Alle ore: 9:05
Messaggi: 844
volevo aprire un topic ma ho trovato questo.

che dire? per me il miglior ct di sempre.

credo non esista nessun altro al mondo che possa eguagliarlo per grandezza delle imprese.

per due volte è partito da squadre di serie B inglese:

la prima volta, dopo aver portato il derby nella massima divisione e aver vinto successivamente il campionato, riuscì ad arrivare anche alle semifinali di coppa campioni.

dove successe il fattaccio con la juventus. (per chi vuole approfondire: http://www.dodicesimouomo.net/12uomo/ne ... -juve.html )


detto questo, come se l'impresa non fosse già abbastanza epica di suo, Brian si riuscì a ripetere in maniera ancora più clamorosa alla guida del nottingham forest.

dove partendo ancora una volta dalla serie B portò la squadra alla vittoria del campionato e di due coppe campioni.

grazie anche a peter taylor, formarono a mio modo di vedere la più grande coppia di menager/allenatore mai esistita nella storia del calcio.

senza avere tra le mani squadre ricchissime, riuscirono ad ottenere risultati a dir poco sbalorditivi, che ancora oggi rimangono come i migliori (e unici) dei relativi club (forest, derby)

a chi non l'ha visto consiglio fortemente il film, che per me è molto ben fatto.

si chiama come il libro "il maledetto united" e su tnt village lo si trova senza problemi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab 22 dic 2012, 7:01 
Non connesso
Leggenda del Calcio
Leggenda del Calcio
Avatar utente

Forum Supporter
Fino al : 01/01/2020
Reg. il: mer 18 mag 2005
Alle ore: 0:45
Messaggi: 33461
Località: Pontecurone
per me non e' stato assolutamente nessuno e lo ritengo tremendamente soppravalutato , solo perche' ha vinto 2 coppe campioni , queste vittorie e il campionato vinto insomma vengono usate come paravento per insabbiare la verita' , per me queste vittorie hanno ingigantito tra certa gente poco informata oltre misura il suo alone , oltre i suoi meriti di mediocre , ma si sorvola per questo sui suoi infiniti fallimenti e sulla sua a mio parere indiscussa mediocrita' .
Nessuno storico serio e degno di tal nome lo inserirebbe in una classifica all time di tecnici.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Risposta Rapida
Titolo:
Messaggio:
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010