Oggi è gio 3 dic 2020, 22:17

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 400 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36 ... 40  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lun 13 lug 2020, 13:56 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: ven 17 gen 2014
Alle ore: 18:57
Messaggi: 7880
Località: Civita Vetula
Mrs.Doubtfire di Chris Columbus (1993)

130 minuti di comicità pura. Memorabile la scena del ristorante. Non riesco più a spazzare un pavimento senza intonare "Dude looks like a lady". :D

_________________
Sono bella, o mortali, come un sogno di pietra e il mio seno, cui volta a volta ciascuno s'è scontrato, è fatto per ispirare al poeta un amore eterno e muto come la materia.

Immagine Immagine


Share on FacebookShare on TwitterShare on Google+
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven 17 lug 2020, 21:29 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: ven 17 gen 2014
Alle ore: 18:57
Messaggi: 7880
Località: Civita Vetula
L'ultima casa a sinistra di Wes Craven(1972)

E' difficile commentare questo film d'esordio di Wes Craven, un'opera grottesca e inverosimile girata con un budget molto ridotto che da un monito antico come il mondo a tutti i ragazzi: state lontani dalle droghe e mai fidarsi degli sconosciuti.
Un monito lo dà a che ai loro genitori: mai ospitare in casa persone che non si conoscono, soprattutto se si abita in posti piuttosto isolati.
C'è un altro aspetto importante da segnalare per me, Craven ci mostra come in ognuno di noi, anche il più buono, onesto e rispettabile individuo, si nasconda una belva sanguinaria e vendicativa pronta a uscire se stuzzicata.
Da notare anche la contrapposizione tra una natura pacifica e amena con la brutalità perpetrata dall'essere umano.
Un buon esordio per Wes Craven, sicuramente non ai livelli dei suoi capolavori ma è un film che si lascia guardare.

_________________
Sono bella, o mortali, come un sogno di pietra e il mio seno, cui volta a volta ciascuno s'è scontrato, è fatto per ispirare al poeta un amore eterno e muto come la materia.

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar 21 lug 2020, 8:04 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: ven 17 gen 2014
Alle ore: 18:57
Messaggi: 7880
Località: Civita Vetula
Ritorno al futuro di Robert Zemeckis (1985)

Viaggiare nel tempo rappresenta da sempre un mio sogno utopistico, poter tornare indietro nel tempo per avere modo di rivedere e riabbracciare persone a me care che non ci sono più, rivivere momenti e situazioni che mi hanno reso felice, avere la possibilità di poter rimediare a errori del passato che si sono poi ripercossi sulla mia esistenza attuale, compiere scelte diverse.
È molto probabilmente l'effetto nostalgia quello che provo, lo stesso che percepisco ogni volta che guardo questa pellicola divenuta ormai un classico della cinematografia mondiale.
Zemeckis pizzica con ironia le corde della nostalgia ma lo fa senza cadere nello stucchevole, mettendo a nudo i difetti di un'epoca e confrontando due generazioni, quella passata e quella futura, completamente opposte.
Un film dal ritmo coinvolgente e impreziosito da un ottimo cast su cui spicca il grandioso Christopher Lloyd nei panni dell'eccentrico ma geniale scienziato.
La scena dell'esecuzione in chiave futura di Johnny Be Good di Chuch Barry è entrata nella storia del cinema.


_________________
Sono bella, o mortali, come un sogno di pietra e il mio seno, cui volta a volta ciascuno s'è scontrato, è fatto per ispirare al poeta un amore eterno e muto come la materia.

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar 21 lug 2020, 16:03 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: sab 21 gen 2017
Alle ore: 20:53
Messaggi: 7830
Visti 3 film francesi

L'uomo fedele
Dramma parigino con Laetitia Casta con sfumature thriller e l'amore di due donne per il protagonista.
Film piacevole, buona regia immersiva, per certi versi l'ho trovato inconcludente.

Parlami di te
Fabrice Luchini interpreta un manager che, dato il troppo lavoro, viene colpito da un ictus.
Nella convalescenza l'uomo verrà seguito da una dottoressa e avrà modo di rallentare nella vita e godersi (in parte) la quotidianità.
Niente di che, a onor del vero.

Il mistero di Henry Pick
Sempre con Fabrice Luchini, un film che trasporta il telespettatore nella normandia alla ricerca del mistero di Henry Pick, pizzaiolo che sarebbe il presunto scrittore di un best seller postumo.
Bel film, per quanto talvolta un po' troppo dai toni gialli (che non considero necessari essendo un film on the road e tranquillo), il punto di forza sempre nell'interazione fra i due protagonisti (Luchini e Camille Cottin).

_________________
Nous sommes Paris


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: gio 23 lug 2020, 21:32 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: ven 17 gen 2014
Alle ore: 18:57
Messaggi: 7880
Località: Civita Vetula
La casa di Sam Raimi (1982)

Film che costituisce una delle pietre miliari del genere horror e che sarà in seguito fonte di ispirazione per molte altre pellicole.
La trama se vogliamo è piuttosto banale (cinque ragazzi che decidono di trascorrere un fine settimana in una casa isolata in mezzo al bosco) ma la tensione che il regista sa dare è palpabile grazie alle inquadrature frenetiche e grazie all'ambientazione inquietante dove la casa né è il fulcro.
La recitazione dei giovani attori è spontanea, gli effetti speciali sono rozzi ma di grandissimo effetto. E poi come non citare Bruce Campbell e il suo personaggio che diverrà in seguito una leggenda.
Per me un capolavoro nel suo genere.

_________________
Sono bella, o mortali, come un sogno di pietra e il mio seno, cui volta a volta ciascuno s'è scontrato, è fatto per ispirare al poeta un amore eterno e muto come la materia.

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun 27 lug 2020, 0:01 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: ven 17 gen 2014
Alle ore: 18:57
Messaggi: 7880
Località: Civita Vetula
Non aprite quella porta di Tobe Hooper (1974)

Altro cult del cinema horror, un film dalla fotografia documentaristica, dagli scatti continui della macchina da presa, dettagliato nei vari oggetti e con un'ambientazione rustica che sa di malsano.
Un film che critica due aspetti fondamentali della cultura degli anni'70, l'ingenuità degli hippie e la mentalità contadina che fa vedere in ogni estraneo un nemico da abbattere.
Uno dei capostipiti del genere horror che ha sulle sue spalle quarantasei primavere ma non le sente affatto.

_________________
Sono bella, o mortali, come un sogno di pietra e il mio seno, cui volta a volta ciascuno s'è scontrato, è fatto per ispirare al poeta un amore eterno e muto come la materia.

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: ven 31 lug 2020, 18:47 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: ven 17 gen 2014
Alle ore: 18:57
Messaggi: 7880
Località: Civita Vetula
Black Christmas - un Natale rosso sangue di Bob Clark (1974)

Slasher che avrebbe anticipato molte altre future produzioni come Halloween e che è stato fonte d'ispirazione per Argento e Carpenter.
Realizzato con un irrisorio budget rappresenta per me l'esempio di come si dovrebbe girare un film horror avendo pochi mezzi a disposizione ma sfruttandoli appieno, una regia perfetta e atta a valorizzare lo spazio angusto della casa,
l'ombra del killer che scivola sulle pareti, i suoi lenti e cadenzati passi.

Buona la psicologia dei personaggi se confrontati con quelli stereotipati dei tempi odierni, un tema come l'aborto trattato senza buonismo e soprattutto dando risalto al punto di vista femminile.
Sequenze a effetto(
la scena dell'occhio che spia la protagonista dalla porta è da brividi),
un finale che a differenza di molti ho apprezzato (
mi è piaciuta l'idea del regista di non voler rivelare l'identità dell'assassino e di conseguenza il suo movente, non dare volto al nemico è per me il modo migliore di infondere ancora più paura allo spettatore).

Un film sottovalutato e da recuperare se si è amanti del genere.

_________________
Sono bella, o mortali, come un sogno di pietra e il mio seno, cui volta a volta ciascuno s'è scontrato, è fatto per ispirare al poeta un amore eterno e muto come la materia.

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun 3 ago 2020, 13:33 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: ven 17 gen 2014
Alle ore: 18:57
Messaggi: 7880
Località: Civita Vetula
Il presagio di Richard Donner (1976)

Pellicola di punta del panorama horror degli anni'70 che si avvale di una colonna sonora inquietante come poche, di una regia di mestiere, di una fotografia fredda e spenta (le scene migliori per me sono quelle girate al cimitero di Cerveteri) e di una serie di sequenze a effetto.
Molto riusciti i personaggi del piccolo Damien(terribilmente sinistro) e della sua governante.
Un film che non è ai livelli eccelsi di Rosemary's baby ma ugualmente notevole.
Peccato Richard Donner abbia poi deciso di abbandonare il genere per dedicarsi a pellicole del tutto differenti.

_________________
Sono bella, o mortali, come un sogno di pietra e il mio seno, cui volta a volta ciascuno s'è scontrato, è fatto per ispirare al poeta un amore eterno e muto come la materia.

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun 3 ago 2020, 14:16 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: sab 21 gen 2017
Alle ore: 20:53
Messaggi: 7830
Vimarna ti consiglio in buona fede "La casa delle bambole", un'ottima commistione di letteratura e cinema.


Ieri ho visto Shazam, film DC che sarebbe "l'anti deadpool", però molto meno spinto e divertente.

_________________
Nous sommes Paris


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun 3 ago 2020, 16:42 
Non connesso
Campione del Mondo
Campione del Mondo
Avatar utente

Reg. il: ven 17 gen 2014
Alle ore: 18:57
Messaggi: 7880
Località: Civita Vetula
freebandiera ha scritto:
Vimarna ti consiglio in buona fede "La casa delle bambole", un'ottima commistione di letteratura e cinema.




L'ho visto e tutto sommato mi è piaciuto, un horror psicologico molto particolare, freddo, distaccato, sconvolgente, dall’ atmosfera inquietante e con chiari riferimenti alle opere lovercraftiane.
Pero' posso confessarti che dal trailer mi aspettavo qualcosa di più?

_________________
Sono bella, o mortali, come un sogno di pietra e il mio seno, cui volta a volta ciascuno s'è scontrato, è fatto per ispirare al poeta un amore eterno e muto come la materia.

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 400 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36 ... 40  Prossimo

Risposta Rapida
Titolo:
Messaggio:
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010